Alcune lavorazioni di carpenteria metallica richiedono una particolare attenzione per via del tipo di materiale da trattare. Un esempio è la lavorazione delle cosiddette lamiere antibatteriche: quelle pre-verniciate o dotate di rivestimenti plastici che proteggono l’acciaio.

La particolarità della lavorazione lamiera, in questi casi, è dovuta alla necessità di preservare l’estetica del manufatto. Se non viene adeguatamente trattato, infatti, il rivestimento antibatterico rischia di rovinarsi. Con esso anche eventuali particolari, la cui realizzazione necessita di qualche accortezza.

Gli aspetti critici

La produzione di pezzi in acciaio antibatterico è più delicata rispetto a una tradizionale lavorazione lamiera, per una serie di fattori legati al rivestimento della superficie.

  1. Il film che ricopre il metallo
    La pellicola protettiva che viene applicata al foglio di lamiera è, in genere, trasparente, molto sottile e caratterizzata da un basso livello di adesività, per essere rimossa facilmente senza danneggiare la superficie metallica. Essendo molto delicata, la pressione del raggio che effettua il taglio laser metallo va impostata adeguatamente, per evitare che la pellicola si sollevi. Questo non solo danneggerebbe il rivestimento, ma potrebbe causare un fermo macchina dovuto al trascinamento della pellicola durante la lavorazione.
  2. Il materiale usato per il rivestimento
    La lamiera antibatterica è rivestita con materiali plastici o vernici. Se il taglio laser non è effettuato attentamente, queste possono bruciarsi provocando antiestetiche macchie sulla superficie del metallo. Ecco perché occorre indirizzare il laser solo verso zone non in vista o non importanti a livello estetico.
  3. La piegatura lamiera
    Anche questa operazione richiede grande attenzione. In fase di piegatura, soprattutto quando si effettua la piega schiaccia, il rivestimento può rovinarsi producendo piccole crepe e fessure.
  4. Il tempo trascorso dalla produzione della materia prima 
    Più il materiale è “vecchio” e più è probabile che produca piccoli difetti superficiali, soprattutto se piegato. Inoltre, con il tempo la pellicola protettiva rischia di staccarsi più facilmente. Questo non solo può compromettere il taglio ma può penalizzare l’estetica, per via dei residui di colla che la pellicola lascia sulla superficie.

Le soluzioni Emel per la lavorazione lamiera antibatterica

Noi di Emel abbiamo una lunga esperienza nella lavorazione dell’acciaio antibatterico. Negli anni, abbiamo imparato che per ottenere risultati di qualità occorrono attrezzature all’avanguardia e materie prime di alto livello, capaci di affrontare le sfide di questa particolare lavorazione.

Ecco perché utilizziamo macchine taglio laser combinate di ultima generazione, adattando le tecnologie di taglio in base alle necessità estetiche e funzionali del pezzo da realizzare. Inoltre, per rivestire l’acciaio usiamo solo i migliori materiali, che garantiscono un’efficacia antibatterica elevata.

Sanisteel: un rivestimento plastico di qualità

Per proteggere l’acciaio, usiamo Sanisteel: un rivestimento a film dalle proprietà antibatteriche, che inibisce la crescita dei germi ed elimina quelli eventualmente presenti sulla superficie. Questo speciale prodotto plastico attiva le proprie caratteristiche in presenza di condizioni ambientali che favoriscono la proliferazione di batteri, funghi e alghe. 

Grazie alla sua efficacia antibatterica, può essere usato per svariate applicazioni, soprattutto quelle che richiedono un elevato livello di igiene e sicurezza (ad esempio nel settore alimentare o in quello medicale). Sanisteel è un rivestimento particolarmente resistente alla corrosione e ai graffi. Mantiene inalterate le proprietà dell’acciaio durante la lavorazione, contribuisce a proteggerlo e garantisce igiene a lungo nel tempo.

Antimicrobic: la soluzione per lamiere pre-verniciate

Antimicrobic è uno speciale supporto rivestito in PVC che si applica alle lastre di acciaio preverniciato. La sua superficie impedisce ai germi di proliferare ed elimina o allontana quelli eventualmente presenti.

Costituito da uno strato metallico pre-rivestito con una pellicola in PVC, è particolarmente resistente all’usura, ai graffi e alla corrosione. Può essere utilizzato per svariate applicazioni e, soprattutto, negli ambienti soggetti alla proliferazione di batteri.

Le migliori soluzioni al servizio della qualità

L’impegno nella scelta dei materiali migliori e l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia ci permettono di garantire lavorazioni di alta qualità. Con Sanisteel e Antimicrobic, realizziamo manufatti in acciaio antibatterico che soddisfano le più elevate esigenze estetiche, funzionali, e igieniche. Sicurezza e affidabilità per ogni tipo di applicazione, anche la più complessa.